Articoli taggati ‘ius culturae’

Cittadinanza, i falsi miti sulla (mancata) riforma

bandierine24

Pubblicato da Neodemos un e-book dal titolo “ius soli e ius culturae. Un dibattito sulla cittadinanza dei giovani migranti”, con i contributi di dodici studiosi per spiegare e sfatare i falsi miti sulla riforma, approvata dalla Camera nel 2015 e tuttora in attesa al Senato. Tra i contributi, un approfondimento della Fondazione Leone Moressa sui potenziali beneficiari della riforma. Leggi l’articolo.

 

Riforma della cittadinanza. 800 mila nuovi italiani.

bambini stranieri

 

Secondo le stime della Fondazione Leone Moressa, la riforma attualmente in discussione potrebbe portare 800 mila nuovi italiani immediati e altre 50 mila naturalizzazioni ogni anno.

Beneficiari immediati. Con l’introduzione dello ius soli temperato, potrebbero acquisire la cittadinanza italiana i figli di immigrati nati in Italia dal 1998 ad oggi (ovvero ancora minorenni) i cui genitori risiedono in Italia da almeno 5 anni, circa 600 mila.
Inoltre, grazie allo ius culturae, rientrerebbero nella riforma circa 178 mila alunni nati all’estero che abbiano già completato 5 anni di scuola in Italia.

Considerando che i nati stranieri in Italia negli ultimi anni si sono attestati tra i 70 e gli 80 mila, si può prevedere il numero di beneficiari dei prossimi anni. Mantenendo fissa la stima dei nati da genitori residenti da oltre 5 anni (65%), è possibile calcolare una quota di 45-50 mila potenziali nuovi italiani ogni anno per ius soli e 10-12 mila bambini nati all’estero e iscritti a scuola.