Immigrazione e povertà

rapporto-Caritas

 

Secondo i dati recentemente diffusi dall’Istat , in Italia sono 4,6 milioni le persone al di sotto della soglia di povertà assoluta (1,58 milioni di famiglie). Se complessivamente le famiglie al di sotto della soglia sono il 6,1% del totale, questo valore sale al 28,3% tra gli immigrati (e raggiunge il 30,8% se consideriamo la povertà relativa). Situazione peraltro confermata dai dati MEF sulle dichiarazioni dei redditi (anno 2015), secondo cui il differenziale tra contribuenti italiani e stranieri si attesta al di sopra dei 7 mila euro annui pro capite.
Secondo l’indice di benessere socio-economico elaborato dalla Fondazione Leone Moressa, le maggiori possibilità di uscire da una condizione di povertà si incontrano nelle regioni del Centro, in particolare Lazio, Sardegna e Toscana. 

Leggi l’articolo di Rossella Cadeo su Il Sole 24 Ore del 22.08.2016

Due ombre sull’economia africana

economia africana

 

Quali sono le prospettive dell’economia africana? Il boom demografico unito ai conflitti, all’instabilità politica diffusa e alle catastrofi ambientali avrà dirette conseguenze sulle scelte migratorie. Mentre anche le politiche delle istituzioni internazionali si devono misurare con la corruzione.

Leggi l’articolo pubblicato il 05.08.2016 su LaVoce.info

I contributi versati dagli immigrati

pensioni-quota-100-mini-pensioni-riforma-clausole-toyota-leader-mondiale-riforma-amministratori-ultime-oggi-mercoled

 

Ammonta a 10,9 miliardi il volume dei contributi previdenziali versati nel 2014 dai lavoratori stranieri. Sebbene non siano vere e proprie tasse, si tratta di risorse che contribuiscono a tenere in piedi le casse pubbliche: con quella cifra, infatti, vengono pagate quasi 650 mila pensioni. Sommando i contributi degli ultimi sei anni, si supera quota 50 miliardi.

Leggi l’articolo di Rossella Cadeo su Il Sole 24 Ore del 01.08.2016.

Quanto costa l’accoglienza

1400168321-europa-bandierine

 

Come anticipato da La Stampa, dopo le proteste dei sindaci il Viminale studia una redistribuzione dell’accoglienza: 3 migranti ogni 1000 abitanti, e incentivi ai Comuni che aderiranno. Ne hanno parlato Oscar Giannino e Alessandro Milan su Radio 24. Ascolta la trasmissione del 19.07.2016 (intervento della Fondazione Moressa al minuto 20,55).

Ma quanto costa l’accoglienza in Italia e in Europa? Risponde la Fondazione Leone Moressa, analizzando i dati OCSE. In Italia il costo medio è di 35 euro al giorno. In Europa la situazione è molto disomogenea: si passa dai 6,7 del Regno Unito ai 65,9 dei Paesi Bassi. Leggi l’articolo su LaVoce.info del 19.07.2016.